Tzolk’In: Il calendario Maya

Subito disponibile anche in italiano grazie alla Cranio Creations, Tzolk’in si propone come un gestionale di media difficoltà che rielabora il classico piazzamento lavoratori grazie a qualche tocco originale, e che sfrutta un’ambientazione tanto cara a questo 2012 per ovvi motivi di scongiuri, ovvero le civiltà precolombiane: i Maya, in questo caso.

 

Ambientazione

Visto che questo sarà l’ultimo anno di gioco dell’umanità quale modo migliore per salutarlo che non giocando a Tzolk’in, titolo che rende omaggio agli antichi Maya e alle loro allegre profezie?

Come capitribù dovrete far prosperare la vostra gente sfamandola, costruendo templi, avanzando tecnologicamente e onorando gli dei. Chi saprà far meglio tutte queste cose vincerà la partita, ma sarà comunque sterminato dagli europei assieme al suo popolo. Forse, al posto della fine del mondo, avrebbero fatto meglio a far le cose in piccolo e prevedere la loro, correndo ai ripari. Peccato.

Il Gioco

Il tabellone (molto bello) rappresenta una giungla abitata da un’intera civiltà Maya. Sulla sinistra campeggiano le 5 ruote dentate piccole che girano tutte assieme, mosse da quella grande, centrale. Sulle ruote sono presenti degli spazi per piazzare i propri lavoratori e ad ogni spazio corrisponde un’azione e un costo da pagare in mais per piazzarvi il lavoratore. A destra sono poi raffigurati i 3 templi degli dei, le 4 scale tecnologiche e gli spazi per gli edifici e i monumenti costruibili, oltre allo slot dedicato al segnalino primo giocatore.